Gdo,  Lambrusco sempre il più venduto

Per il vino 2 miliardi di vendite nei supermercati - Boom (presunto) del bio - I dati Iri per Vinitaly

II vino venduto nei supermercati italiani vale quasi due miliardi di euro. Lo dicono i dati dell'istituto di ricerca

Iri, che ha quantificato i consumi 2017 per conto di Vinitaly, la kermesse italiana del vino che si terrà a Verona dal 15 al 18 di aprile. In tutto, l'anno scorso gli italiani hanno acquistato dagli scaffali 648 milioni di litri: di questi, le bottiglie a denominazione d'origine costituiscono circa il 43%, per un totale di 280 milioni litri (+2% rispetto all'anno precedente), cui vanno sommati i 68 milioni di litri fra spumante e champagne, il 5% in più del 2016.

«I vini a denominazione d'origine hanno venduto 5,5 milioni di litri in più nel 2017- spiega Virgilio Romano, coordinatore della ricerca - così come sono cresciute bollicine e vini bianchi. I vini emergenti si fanno apprezzare per posizionamenti di prezzo non bassi, oltre i 4 euro, e questo è un aspetto positivo perché dimostra la disponibilità del consumatore a premiare novità e valore». Chi cresce di più? Al primo posto il Grillo siciliano, che in termini di volumi ha messo a segno un aumento del 23%; più del 15% sono cresciuti anche il Primitivo, l'Ortrugo, la Ribolla, il Valpolicella, il Cortese del Piemonte e la Passerina. In valori assoluti, invece, il vino più venduto nei supermercati italiani (nelle bottiglie da 0,75) è stato il Chianti, che dalla Gdo ha incassato quasi 70 milioni di euro ma che per volumi è stato battuto di poco dal Lambrusco (47 milioni di incasso).Al terzo posto, per valore, il Vermentino in tutte le sue versioni (sardo, toscano e ligure), che ha fatturato oltre 42 milioni di euro ma che per volumi venduti si è classificato al settimo posto.

Nella graduatoria regionale, invece, la parte del leone l'ha fatta il Veneto, primo per vini a denominazione distribuiti attraverso la Gdo sia per la categoria dei bianchi, con una quota di mercato del 22%, che perla categoria dei rosati, con oltre il 34%. Tra i rossi vince invece la Toscana, con il 17,7% delle bottiglie Doc, Docg e Igt vendute sugli scaffali, seguita a stretto giro di posta dall'Emilia Romagna, con il 17,5 per cento.

Particolarmente significativa è stata infine l'impennata delle vendite dei vini e degli spumanti bio, che hanno superato i 4 milioni di litri venduti mettendo a segno una crescita di oltre il 40% in volume (ma come volumi assoluti siamo ad uno zero virgola - N.d.R.).

Agriturismo

tutti gli agriturismi dell'Emilia Romagna

Compro e Vendo

mercatino dell'usato agricolo emiliano-romagnolo

consulta la Guida per una spesa a filiera corta!

Intranet

Agrimpresa

Agrimpresa

leggi on line l'ultimo numero del magazine della Cia Emilia-Romagna

Joomla templates by Joomlashine